Pubblicato da: Dr Pi | 9 marzo 2007

– HERPES LABIALE RICORRENTE

bhg01id27f02.jpg250px-herpesphil_1573_lores.jpgL’Herpes labiale, o più comunemente chiamato “febbre”, è una lesione vescicolo-bollosa del cavo orale che ha come causa l’infezione ad opera di un virus chiamato herpes simplex 1 (HSV1).herpes.jpg
Le lesioni ricorrenti hanno l’aspetto di piccole vescicole a grapherpes.gifpolo localizzate specialmente sulle labbra, che in genere tendono a ricomparire sempre nella stessa zona. Le vescicole durano da 24 a 48 ore e si trasformano quindi in lesioni crostose che tendono a guarire in 7-8 giorni. Le vescicole possono essere precedute da prurito o desensibilizzazione nella zona in cui comparirà la lesione. In certi casi si possono estendere sul palato, sulla gengiva (aderente), raramente sulla lingua (dorso), sulla cute della faccia e sulla mucosa nasale.
L’HSV1 è un virus diffusissimo in natura, infatti circa il 90% degli essere umani ne è infetto, il contagio avviene nell’infanzia o nella prima adolescenza e la sua trasmissione è principalmente attraverso la saliva e il contatto con le lesioni labiali.
La particolarità di questo virus è di rimanere, dopo l’infezione primaria, in uno stato di latenza cioè di non attività all’interno di alcune strutture nervose della faccia chiamate gangli trigeminali, la riattivazione periodica con le tipiche lesioni ricorrenti avviene solo nel 40% delle persone infette a causa di vari fattori:
 

  • stress
  • luce solare
  • febbre
  • mestruazioni
  • traumi

Nella restante percentuale (50%) pur essendoci una persistenza del virus per tutta la vita, non si ha alcuna complicanza o manifestazione.
In alcuni soggetti, l’infezione primaria, si manifesta con la cosiddetta gengivostomatite erpetica caratterizzata da febbre e ulcerazioni orali diffuse che si risolvono in 1 o 3 settimane.
Il trattamento dell’herpes labiale avviene con l’utilizzo di antivirali in crema ed è efficace nelle prime fasi di comparsa delle lesioni quando non è avvenuta ancora l’evoluzione crostosa. Ciò è dovuto al fatto che l’antivirale agisce inibendo la replicazione del virus che è attiva solo nella fase iniziale di sviluppo delle vescicole.
I farmaci utilizzati sono:

  • Penciclovir crema per uso topico al 1%: applicato ogni 2 ore (con esclusione della notte) per 4 giorni.
  • Aciclovir crema per uso topico al 5%

Il penciclovir risulta più efficace perchè ha un assorbimento migliore rispetto all’aciclovir.
Nelle forme gravi ed estese, accompagnate da bruciore e dolore, è opportuno considerare la somministrazione dell’aciclovir per via orale.

Annunci

Responses

  1. salve, mi è comparso per la prima volta un herpes simplex, lo sto curando ma vorrei sapere se avendolo contratto d’ora in poi sarò al 100% soggetta a recidive oppure può rimanere un episodio isolato!grazie…

  2. Salve Rosy
    come detto dal post da me pubblicato il 40% degli individui che hanno contratto il virus manifestano la ricorrenza delle lesioni herpetiformi….. la restante percentuale non riscontra più segni e sintomi……….
    Non si può comunque stabilire a priori se andrà incontro alle manifestazioni ricorrenti o ad una fase di latenza permanente… i fattori da considerare sono molteplici e impossibili da prevedere……..
    Saluti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: